Archivio Categoria: comunicati stampa

Comunicato stampa del 27/06/2019

La Lista dei Cittadini Insieme per Savignano ha presentato ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per richiedere la revisione e, di conseguenza, la correzione dei risultati elettorali delle votazioni svoltesi lo scorso 26 maggio per il rinnovo del Consiglio Comunale e per l’elezione diretta del Sindaco.

Tale decisione è maturata sulla base di informazioni avute dai nostri rappresentanti di lista presenti nelle Sezioni e di quanto emerso, a seguito di un accesso agli atti, dall’esame dei verbali delle operazioni di scrutinio.

In questo periodo numerosi cittadini hanno espresso e dimostrato la loro vicinanza alla Lista e a Rosamaria, esprimendo sostegno alla nostra volontà di procedere ad un approfondimento della situazione, a piena garanzia dell’espressione del voto dei Cittadini di Savignano.

Vi terremo informati sugli sviluppi del procedimento che si ritiene possa svolgersi in tempi brevi.

Lista dei Cittadini Insieme per Savignano

Comunicato stampa del 12 giugno 2019

I consiglieri della “Lista dei Cittadini – Insieme per Savignano”, Rosamaria Carmignano, Erio Linari, Germano Caroli e Francesca Cassanelli, eletti al Consiglio comunale di Savignano sul Panaro, non parteciperanno alla riunione del Consiglio prevista per oggi, 12 giugno, che prevede, all’ordine del giorno, la convalida degli eletti.

La decisione è conseguente a quella di presentare ricorso, al Tribunale Amministrativo, per la correzione del risultato elettorale a fronte di erronee valutazioni di voto da parte degli organi preposti allo spoglio.

Per tale motivo, anche al fine di evitare di partecipare all’approvazione di atti che, in caso di accoglimento del ricorso, verrebbero travolti, i suddetti consiglieri non parteciperanno alle sedute del Consiglio comunale fino al pronunciamento del Giudice Amministrativo.

 

Comunicato Stampa

A pochi giorni dalle elezioni ci è difficile non avvertire il peso di un crescente clima di ostilità e di personalizzazione del confronto.
Ciò nonostante in nome della buona volontà ci siamo seduti attorno ad un tavolo allo scopo di stemperare il clima e togliere ogni alone di sospetto a favore del confronto e della dialettica fra i due candidati.
In questi giorni abbiamo trovato stracciati buona parte dei nostri manifesti elettorali; al contempo persone simpatizzanti dell’altro schieramento stanno seminando in rete un clima di scontro, chiedendo una nostra discolpa su presunte diffamazioni delle quali la nostra lista nulla sa e nulla vuole sapere.
Noi non abbiamo mai chiesto ad altri di dissociarsi dalle azioni individuali di chi in questa campagna si è lasciato andare ad offese e accuse personali.
Perciò dopo una riunione con i nostri attivisti abbiamo democraticamente deciso di ritirare i nostri rappresentanti dal tavolo organizzativo del confronto.
La foto della nostra candidata marchiata in rosso è ancora ben visibile in rete, i nostri manifesti stracciati sono sotto gli occhi di tutti. Temiamo l’alzarsi dei toni e che il confronto si possa ridurre ad uno scontro tra tifoserie; ciò ci impone, a malincuore, di fare un passo indietro per rispetto di una terra che nella sua storia e tradizione mai ha visto spostare il confronto da una sfera politica a quella personale.

Il Presidente della Lista dei Cittadini “Insieme per Savignano” 
Mauro Cavalli

Noi ci siamo, noi parliamo con tutti

Il civismo è una pratica di democrazia rappresentativa complessa che si fonda sulla pluralità e non sulla divisione.

La Lista dei Cittadini – Insieme per Savignano sperimentò questa pratica nel 2009 quando ancora si credeva che non si potesse prescindere dall’appartenenza ad un partito politico.
Noi capimmo che i problemi di Savignano, dall’inquinamento alla viabilità, passando per la scuola, non potevano essere risolti in maniera dogmatica.
Per questo decidemmo, andando allora controcorrente, di lasciare fuori i partiti.
Gli abitanti di Savignano avevano a cuore la loro terra e ciascuno portava problemi e proponeva soluzioni individuali che fu necessario raccogliere per fare sintesi.
Quando decidemmo di dare vita a questa sperimentazione il solo biglietto da visita che chiedemmo per poterne fare parte fu l’adesione ai valori della Carta Costituzionale senza impedire a nessuno di partecipare alla vita dei partiti che restavano nostri interlocutori, ma le decisioni erano e sono prerogativa degli organi associativi previsti dal nostro Statuto.
Lasciammo le battaglie ideologiche ad altri e ci dedicammo alla cura della res publica.
Noi siamo nati per aggregare, non per dividere. Siamo nati per fare sintesi, non per allontanare.
Noi siamo impermeabili a direttive esterne, influenze, ordini .
Il solo simbolo che campeggia nella nostra sala riunioni è quello della Lista dei Cittadini Insieme per Savignano.
Questo è stato il fondamento del nostro agire in questi anni.
Per questo non abbiamo mai avuto bisogno di alcun riconoscimento esterno, né di adesivi che qualcuno cerca di appiccicare da fuori le mura della nostra città. Noi non ringrazieremo mai alcuna segreteria cittadina, perché non ne riconosciamo l‘autorità, né ci fregiamo di alcun simbolo.
Il solo riconoscimento che cerchiamo è quello dei nostri concittadini.
Per questo noi non siamo nè mai saremo una lista civica dipendente da questo o quel partito.
Noi siamo quelli che eravamo 10 anni fa e ci presentiamo ai cittadini per rispondere di quanto fatto in dieci anni e ci trovate sempre pronti al dialogo come ha ampiamente dimostrato il primo cittadino della Lista dei Cittadini – Insieme per Savignano, il sindaco Germano Caroli, e come si propone di fare la Candidata Sindaco Rosamaria Carmignano.
Per questi motivi i nostri rappresentanti accettano ben volentieri di prendere un caffè con militanti di tutti i partiti che ci hanno invitato. Dal gruppo compatto delle sinistre del territorio, alla Lega Nord, passando per il movimento 5 Stelle. Incontri dai quali abbiamo imparato molte cose.
I loro simboli non ci interessano, ma ci appassionano le richieste e le istanze dei loro militanti, perché sono tutti, indistintamente, cittadini di Savignano.

E quel fabbricato di via Toscana?

La vicenda della costruzione, ferma al telaio strutturale, di un fabbricato residenziale in Via Toscana, è di crescente interesse pubblico.

Ripercorriamone le fasi principali.

  • Nell’anno 2007, il Comune pose in vendita l’area sulla quale avrebbe potuto costruirsi un fabbricato residenziale.
  • In seguito all’aggiudicazione, nell’anno 2008, la Proprietà dell’area presentò il progetto per il quale, nello stesso anno, venne rilasciato il permesso di costruire.
  • Nell’anno 2010, in seguito ad esposto dei residenti, il Comune accertò l’irregolarità della costruzione per l’altezza che, seppur conforme al progetto presentato ed autorizzato, risultava largamente eccedente la media dell’altezza degli edifici al contorno.
  • Nell’anno 2011, contro l’ordine del Comune di demolizione della parte di fabbricato non conforme, la Proprietà promosse ricorsi alla giustizia amministrativa, ricorsi che, nell’anno 2018, si conclusero a favore del Comune che quindi ritenne di assegnare alla Proprietà il termine del mese di maggio 2019 per la demolizione.

Entro tale termine, in risposta, la Proprietà ha trasmesso relazione tecnica volta a dimostrare la “difficile e pericolosa attuazione” della demolizione parziale.

L’Amministrazione, convinta dell’esigenza di confermare l’ordine di demolizione, ha incaricato il competente ufficio comunale di acquisire, al fine del definitivo pronunciamento, qualificata consulenza tecnica al riguardo.

Germano Caroli

La copertura del Tazio Nuvolari: quanto costa ai savignanesi il promettere opere faraoniche?

Due cose colpiscono nella roboante promessa elettorale del candidato sindaco Tagliavini ‘Realizzeremo la copertura permanente dell’area cucina e della pista di pattinaggio del Centro Tazio Nuvolari, per farlo diventare un vero e proprio Centro Polivalente tutto l’anno‘

Chi amministra il bene pubblico sa bene che le risorse di un territorio devono essere destinate accuratamente seguendo una lista di priorità che obbedisca all’interesse comune.

Chiediamo dunque al candidato Tagliavini:

  • La copertura permanente dell’area cucina e della pista di pattinaggio è la priorità per i Savignanesi?
  • Quali e di chi saranno le esigenze che verranno soddisfatte?
  • A quanto ammontano le spese di costruzione? E quelle di gestione?
  • A quali altre opere intende sottrarre le risorse per poter finanziare questa opera faraonica? Alla messa in sicurezza delle scuole?
  • Intende destinare a tale finalità il denaro che l’amministrazione ha ricavato dal progetto Dea Minerva (90.000 euro) togliendoli alle scuole?

Mentre attendiamo le risposte e le previsioni di spesa che la lista Progettiamo Savignano ha certamente effettuato e ben calcolato prima di esporsi con questo progetto, sorge un quesito di ordine politico.

Il Tazio Nuvolari ospita storicamente la festa del locale PD di Savignano.

La lista Progettiamo Savignano è innervata da esponenti del locale PD, che sono stati più volte candidati alle ultime tornate elettorali.

Ai Savignanesi questo non è stato detto, in quanto il sito del PD di Savignano è stato stranamente oscurato all’inizio della campagna elettorale.

Forse per nascondere che si tratta del PD in blocco che non riesce a fare a meno di promesse di tipo clientelare, dimenticando che chi amministra la città deve sempre avere come obiettivo prioritario le esigenze di tutti i cittadini, a qualsiasi schieramento essi appartengano?

La “Lista dei Cittadini – Insieme per Savignano” impedirà che il denaro pubblico e il ricavato del progetto di riciclo “Dea Minerva” venga sperperato in opere faraoniche la cui spesa è insostenibile, continuando a privilegiare scuole, famiglie e territorio.